prison_school_key_visualIeri durante la conferenza di Dynit tenutasi al Lucca Comics & Games è stata annunciata l’edizione doppiata in italiano per l’anime Prison School. La serie anime è già disponibile gratuitamente su VVVVID sottotitolata in italiano con video dell’edizione televisiva, mentre sarà disponibile in edizione integrale doppiata in italiano prossimamente. Inoltre l’edizione doppiata sarà pubblicata in Blu-ray per il mercato home video.

Sempre su Prison School, Dynit ha annunciato la pubblicazione in simulcast su VVVVID del relativo live action. la cui diffusione è iniziata ieri alle ore 17:00 e proseguirà a cadenza settimanale.

L’accademia Hachimitsu è un liceo femminile d’élite di Tokyo caratterizzato da severe regole di comportamento, tra cui quella del divieto di frequentare maschi. All’inizio della serie, la scuola decide però di aprire i cancelli anche ai ragazzi mantenendo lo stesso regolamento e, con loro stupore, i nuovi studenti di sesso opposto si rivelano essere solo cinque. L’avventura di Kiyoshi Fujino, Takehito “Gakuto” Morokuzu, Shingo Wakamoto, Jōji “Joe” Nezu e Reiji “André” Andō finisce male quando il gruppo viene scoperto mentre spia i bagni femminili. I cinque vengono puniti con un mese di “prigionia” e lavori forzati dalla severa associazione studentesca segreta della scuola; in alternativa viene offerta solo l’espulsione. (da Wikipedia)

Dynit ha inoltre rivelato che a inizio 2016 usciranno sempre per il mercato home video il secondo volume di Gundam Origini e il terzo e quarto episodio di Code Geass: Akito The Exiled.

Tramite AnimeClick.it, siamo in grado di fornirvi le domande del pubblico e le relative risposte dell’editore:

  • Che relazione c’è tra Dynit e VVVVID?
    Dynit è un fornitore di contenuti e VVVVID è un contenitore. In realtà siamo anche soci.
  • Con l’arrivo di Netflix è da escludere che Dynit possa fornire delle licenze a questa realtà?
    In verità Dynit ha già dato licenze a Netflix e speriamo di continuare in futuro. Netflix dovrà poi valutare il risultato in termini di visualizzazioni. Aggiungerei che Dynit è una delle poche realtà italiane ad aver collaborato con Netflix e l’unica del settore scelta come rappresentante.
  • Che fine farà il supporto fisico?
    Il supporto fisico non è morto, ma ha raggiunto il suo limite, cosa che si è vista già nel mercato discografico. Oggi l’edizione fisica non è più il mezzo per realizzare un introito, ma è parte di un processo produttivo. Ad esempio Tokyo Ghoul è passato prima per lo streaming sottotitolato, poi per il doppiaggio e solo dopo ha potuto avere l’edizione home video.
  • Quale futuro per Gundam in Italia? Cinema? Streaming? Home Video?
    Oggi si investe sempre meno sul semplice home video a meno di serie di sicuro successo come Gundam. Abbiamo puntato su Origini in quanto serie breve, al contrario di Orphans che ha bisogno prima dello streaming. Origini 2 comunque non andrà al cinema in quanto le serie non hanno lo stesso riscontro dei film one-shot.
  • Il discorso con RAI 4 si è riaperto?
    Domanda che dovete girare a loro. Il loro referente è votatissimo alla causa degli anime, ma ha le mani legate. Comunque con l’annuncio di Fairy Tail (che non è stata acquistata da Dynit) e la fascia pomeridiana potrebbero aprirsi scenari fino ad oggi preclusi.
  • Fate UBW è un esperimento fallito?
    Fate ha avuto un riscontro discreto in termini di visualizzazioni, ma ci sono serie che hanno avuto riscontri maggiori. Diciamo che si trova in una via di mezzo. Ci piacerebbe portarla, ma vogliamo capire se ha ulteriori margini di crescita.
  • Siete interessati a Sanzoku no Musume Ronja?
    Inizialmente lo eravamo, ma poi abbiamo ritenuto che non fosse all’altezza degli standard Ghibli anche a causa dell’uso massiccio della computer graphic.

Fonte consultata:
AnimeClick.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore lascia un tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome