Durante la conferenza di Yamato Video tenutasi oggi al Lucca Comics & Games è stato presentato ufficialmente al pubblico il nuovo portale streaming Play Yamato, realizzato in collaborazione con la Gazzetta dello Sport (RCS), che vedrà l’apparizione di cinque serie inedite come doppiaggio in italiano e già apparse tramite il canale YouTube e Man-Ga sottotitolate in italiano.

Il servizio prevederà un abbonamento da 6,99 € al mese per l’accesso illimitato in streaming al catalogo, via web e app per Smart TV e dispositivi Android e iOS e sarà disponibile anche il noleggio del singolo contenuto per 0,99 €, oltre all’opzione HD a seconda della banda a disposizione e alla riproduzione offline. Come accade già per il servizio Netflix che ha debuttato lo scorso 22 ottobre in italiano, sarà possibile provare il servizio per un mese gratuitamente. Di seguito il comunicato pubblicato nei giorni scorsi da RCS:

“In un contesto in cui cresce la domanda di contenuti video di qualità e la loro fruizione quando e dove l’utente preferisce, La Gazzetta dello Sport lancia GazzaPlay, una piattaforma video on-demand pensata su misura per il suo pubblico, che esalta al meglio il know-how della rosea, da sempre in stretto contatto con le passioni degli utenti.

“La Gazzetta dello Sport rappresenta un punto di riferimento per il suo vastissimo lettorato e si è accreditata sempre più in grado di selezionare e garantire la qualità dei contenuti che offre su tutte le piattaforme in cui è presente – spiega Francesco Carione, responsabile Sistema La Gazzetta dello Sport -. In un sistema già articolato e in forte evoluzione, da oggi offre con GazzaPlay un tassello in più. In questo caso partiamo dalla nostra felice esperienza con i prodotti collaterali che si fondano sulle passioni sportive e sugli interessi verticali, come nel caso degli anime giapponesi, e le rendiamo disponibili in una modalità on-demand, con l’importante driver dell’esclusività dell’offerta, caratterizzata da numerosi contenuti inediti in Italia o per la prima volta tradotti in italiano”, GazzaPlay sarà un grande raccoglitore di canali tematici verticali: si pone l’obiettivo di sviluppare un’offerta dedicata alle passioni prevalentemente maschili, puntando a comporre un’offerta esclusiva e inedita sul mercato italiano.

Alla partenza avrà un’area completamente dedicata agli anime giapponesi e da subito si propone di diventare il punto di riferimento per gli appassionati, con un catalogo che a regime conterà più di 1.000 episodi delle maggiori serie. Entro l’anno si aggiungerà poi anche un canale dedicato all’alpinismo, mentre altri seguiranno a partire dai primi mesi del 2016.

PlayYamato è il canale di anime in uscita nei primi giorni di novembre, raggiungibile all’indirizzo www.PlayYamato.com. L’offerta prevede un abbonamento a partire da 6.99 euro al mese, mentre il singolo contenuto sarà disponibile a partire da 0.99 euro. Per tutto novembre l’offerta di lancio prevede la prova gratuita del servizio per un mese, solo sottoscrivendo l’abbonamento. Il canale verrà lanciato in versione beta su sito web e appTV in occasione di Lucca Comics and Games 2015, kermesse dedicata al mondo anime e manga.

Le applicazioni iOS e Android per smartphone e tablet saranno rese disponibili nelle settimane successive. Con GazzaPlay si potrà iniziare a vedere un contenuto sulla tv, bloccarlo a metà e il giorno dopo continuare la visione su smartphone, magari mentre si viaggia: il servizio sarà infatti fruibile su tablet, smartphone e notebook in mobilità, oltre che sulle Samsung smart tv e su tutte le altre televisioni tramite Chromecast.

Ogni utente potrà collegare al proprio account fino a cinque differenti device. I contenuti saranno fruibili in SD o HD e comunque in adaptive streaming, in modo da adeguare la qualità video in base alla banda effettivamente disponibile, o anche in modalità offline, tramite un’app dedicata. Sarà possibile sottoscrivere un abbonamento mensile oppure acquistare o noleggiare un singolo contenuto.”

Le cinque serie che appariranno doppiate in italiano sul nuovo servizio saranno:

Locandina Wolf Girl & Black PrinceWOLF GIRL & BLACK PRINCE

Erika ha mentito a lungo a sue due compagne di classe, molto più esperte di lei in materia di uomini, inventandosi un fidanzato inesistente. Messa alle strette dalle due, che pretendevano una foto del boyfriend, la protagonista ne scatta una col cellulare ad un affascinate sconosciuto per strada. Il problema è che lo sconosciuto non lo è poi tanto: il duo capisce subito che si tratta del popolare compagno di scuola Sata Kyoya. Erika, presa dal panico, va da Sata-kun, gli spiega la situazione e lo prega di far finta di essere il suo ragazzo. Sata, che viene ritenuto da tutti il principe del primo anno, per i suoi modi gentili e rassicuranti, in realtà si nasconde dietro ad una maschera; ha l’anima davvero nera, e accetta di prender parte alla farsa per divertirsi un po’, torturando e vessando la ragazza, facendola così diventare il suo fido cane. Kyoya: In sostanza, devo comportarmi come se fossi il tuo ragazzo, giusto? OK, allora, prima di tutto… Gira in tondo tre volte, porgi le zampe, e di’ “woof!”. Erika: [Dovrei comportarmi come] un cane!? Kyōya: Ti sto chiedendo di diventare il mio cane. Ed io ti aiuterò coi tuoi stupidi problemi… Signorina Wolf girl.

Alla proiezione in anteprima a Lucca erano presenti il direttore del doppiaggio Stefano Cotaria e la doppiatrice della protagonista. Il doppiaggio è stato prodotto da Obiettivo Anime, un gruppo di appassionati di animazione con l’obiettivo di favorire ed aiutare attivamente l’importazione e la localizzazione di anime in italiano, tramite diverse attività che possano trasformare il pubblico da normali fruitori passivi a finanziatori attivi, in particolare con progetti di finanziamento in crowdfunding. Tra quattro settimane ne inizierà la messa in onda. Qui una delle clip del doppiaggio in anteprima:


Locandina BeelzebubBEELZEBUB

La trama narra le disavventure del “più forte delinquente del mondo”, Oga, spietatissimo studente temuto da ogni teppista della sua scuola. Un bel giorno si ritrova tra i piedi un neonato che gli si attaccherà letteralmente addosso senza che vi sia modo di liberarsene. Ma non si stratta di marmocchio qualunque: è Beelzebub (o “Baby-BL”), il figlio del Re Diavolo e futuro successore al trono, mandato sulla terra per sterminare gli esseri umani una volta divenuto grande. Il bimbo ha quindi, giustamente, scelto il temutissimo Oga come sui mentore dopo averlo incontrato accidentalmente.
Mentre il destino dell’umanità è appeso ad un filo, Oga si ritrova costretto ad allevare il bambino, assieme alla “cameriera demone” Hilda, fino a quando questi non avrà l’età per distruggere l’umanità…

Alla conferenza è stato presente il doppiatore Maurizio Merluzzo, che interpreterà il protagonista Tatsumi Oga.


Locandina Sengoku BasaraSENGOKU BASARA

Paese del Sol Levante, seconda metà del XVI secolo: a causa della corruzione, dell’avidità e dell’ignavia del clan shogunale Ashikaga a cui spetterebbe il compito di governare la nazione in nome dell’Imperatore, il Giappone è devastato da decenni di tumulti che vanno sotto il nome di Epoca Sengoku, o degli Stati Combattenti, durante la quale numerosi feudi, ormai indipendenti dalle maglie del potere centrale, danno inizio a uno stato di guerra senza precedenti per accrescere i loro domini. Le agitazioni avranno termine solo con l’avvento dei Tre Riunificatori, Oda Nobunaga, Toyotomi Hideyoshi, eTokugawa Ieyasu, così definiti per aver riunito nella realtà storica il paese sotto l’ala di un nuovo shogunato.
Come in un gioco di scatole cinesi, Sengoku Basara a sua volta attinge da una visione storica alternativa secondo cui Oda Nobunaga, benché un’autorità cardine per la storiografia, viene considerato un indegno aguzzino, colpevole della deturpazione dell’autentico spirito guerriero, sino ad allora puro in quanto prevedeva lo scontro diretto e leale tra uomini, tramite l’introduzione di armi da fuoco occidentali e di bieche tattiche militari il cui unico fine è l’egemonia ottenuta perpetrando l’odio, la paura, la derisione e la sottomissione. Questa scelta narrativa non è comunque esclusiva di Sengoku Basara, la si rintraccia pure in altri prodotti come Onimusha. 
Protagonisti ad honorem di Sengoku Basara sono Sanada Yukimura e Date Masamune, due figure realmente esistite: il primo un sottoposto di Takeda Shingen, l’altro Signore dell’Ōshū, i cui cammini si incontrano prima in qualità di combattenti, e poi come alleati in funzione anti-Nobunaga. Sanada Yukimura è temibile nell’utilizzo di due lance gemelle, mentre Date Masamune è celebre con il soprannome di Drago da un solo Occhio, poiché privo del destro, indossa un peculiare elmo con un quarto di luna e maneggia sei spade contemporaneamente, gli Artigli del Drago; il colore caratteristico del primo è il rosso, del secondo il blu.


Locandina Highschool of the DeadHIGHSCHOOL OF THE DEAD

Il morbo della “morte vivente” attacca il mondo intero, non si hanno spiegazioni e non si sa da dove sia cominciato o per colpa di chi. Qualcuno tenta semplicemente di abbozzare qualche ipotesi, ma niente di concreto. Sta di fatto che gli sventurati protagonisti si ritroveranno di botto catapultati in un mondo quanto più simile possibile a un vero inferno. I morti camminano e hanno intenzioni tutt’altro che amichevoli verso i vivi, un solo morso e il contagio sarà ormai inevitabile, una vera e propria pandemia che si allargherà a macchia d’olio apparentemente senza lasciare alcuna via di fuga se non il cadere nel più cupo terrore o in alcuni casi nella follia. I nostri protagonisti iniziano la loro disavventura dal loro istituto scolastico, ma non è certo da qui che il tutto ha avuto inizio e loro stessi se ne renderanno amaramente conto molto, molto presto.


Locandina Magic Kaito 1412MAGIC KAITO 1412

Kuroba Kaito è un ragazzo furbetto e dispettoso, che si diletta in giochi di prestigio davanti alla sua classe. Appassionato fin da bambino di illusionismo, seguiva il padre durante gli spettacoli di magia ai quali partecipava, cercando di apprendere i trucchi del mestiere. La vittima preferita dei suoi scherzi è la compagna di classe nonché vicina di casa, Aoko Nakamori, figlia dell’ispettore del dipartimento di Tōkyō, Ginzō Nakamori, nemico giurato di Kid. Dopo averlo sfidato più e più volte mirando alla sua cattura, l’ispettore Nakamori sembra quasi il gemello separato alla nascita di Zenigata, che, nonostante i vari sforzi per far rispettare la legge, non riesce mai a mettere in gattabuia Lupin III. Per la figlia del suo inseguitore di distintivo munito, Kaito nutre un sentimento d’amore ricambiato, che non è capace però di dichiarare. Impaurito dal cambiamento che potrebbe causare al rapporto consolidato da anni e anni di frequentazione delle rispettive case, ma anche bloccato dalla mancata rivelazione ad Aoko della sua doppia identità di ladro e liceale, Kaito mente a sé stesso e trascina avanti un’amicizia ambigua non esente da gelosie e incomprensioni. Una volta scelto di indossare i panni di ladro Kid, infatti, il giovane Kuroba intraprende una strada di solitudine e di menzogne, separando sempre di più la sua vita privata dalla vita di fuorilegge. Dopo essere venuto a conoscenza delle infauste circostanze in cui è morto suo padre, Kuroba Tōichi, assassinato da un’organizzazione criminale, Kaito decide di sbaragliare i piani dei malfattori e si mette sulle tracce del gioiello Pandora. Altrimenti conosciuta come la “pietra della vita”, Pandora è una gemma che può donare l’immortalità se innalzata al passaggio vicino alla Terra della cometa Volley, che avviene ogni diecimila anni. Allora si verseranno lacrime, le quali se bevute doneranno la vita eterna. Ogni volta che ruba un gioiello, Kaito lo rivolge alla luna per analizzarne lo scintillio, poiché Pandora brilla di rosso se esposta ai raggi lunari, per restituirlo successivamente se esso non rispetta le caratteristiche richieste. La sete di giustizia lo spinge a prendere la decisione del giocarsi il tutto per tutto, di sfruttare ogni mezzo possibile pur di ottenere vendetta, perché è impensabile convivere con il rimorso di non aver fatto nulla per coloro i quali sono venuti a mancare ingiustamente. C’è da dire che trova piuttosto divertente e stimolante fare il mestiere del ladro!


Dalle risposte alle domande e curiosità del pubblico, è emerso che le serie presenti alla partenza del servizio saranno quasi cinquanta e tra i titoli ci saranno film d’animazione già usciti o di prossima pubblicazione. Il programming coordinator di Man-Ga, Orlando Leone, rivela che esclusa Wolf Girl & Black Prince le altre serie sono doppiate nei consueti studi di doppiaggio milanesi.

Fonte consultata:
AnimeClick.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore lascia un tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome