I piccoli giapponesi avranno un ruolo importante riguardo ai prossimi giochi olimpici: per le Olimpiadi e le Paraolimpiadi di Tokyo 2020, infatti, i bambini sceglieranno le mascotte. È ciò che ha comunicato il comitato organizzativo il 7 dicembre scorso, presentando al pubblico le tre coppie tra cui verrà fatta la scelta.

Tokyo 2020: i bambini sceglieranno le mascotteI bambini sceglieranno le mascotte di Tokyo 2020

Si tratta della prima volta che si utilizza un metodo del genere nella storia delle Olimpiadi. Il 7 dicembre scorso gli organizzatori hanno presentato al pubblico le tre coppie di mascotte “finaliste”, una per le Olimpiadi e una per le Paraolimpiadi, e i bambini delle scuole elementari di tutto il Giappone dovranno scegliere la loro coppia preferita. Il tutto durante una cerimonia presso una scuola elementare nel quartiere Shibuya di Tokyo, fra gli applausi e la gioia dei bambini.

Tokyo 2020: i bambini sceglieranno le mascotte

Dopo che il primo logo approvato fu accusato di plagio, il comitato organizzativo si è visto quindi costretto a rivedere la selezione e ha deciso di coinvolgere i più giovani in una procedura del tutto più trasparente, alimentando così il loro entusiasmo in vista dei nuovi giochi olimpici.

Le coppie presentate

La prima coppia vede due personaggi contraddistinti da un tema a scacchi, che dovrebbero rappresentare il dualismo tra la tecnologia d’avanguardia del Giappone (blu) e sereno ambiente naturale (rosa).

La seconda coppia vede due personaggi legati a elementi portafortuna della cultura nipponica, rappresentanti entrambi il vento e il cielo. Il primo combina insieme il maneki-neko e le volpi visibili presso i santuari inari. La mascotte paraolimpica è modellata invece sul Komainu, o cane-leone.

Le ultime due proposte invece sono due personaggi più comici, richiamanti una volpe e un tanuki (cane-procione).

La procedura di votazione

Le mascotte ufficiali saranno annunciate il 28 febbraio, mentre le votazioni sono in corso di svolgimento dall’11 dicembre scorso e dureranno sino al prossimo 22 febbraio. A partecipare alla votazione sono circa 21mila scuole elementari giapponesi e ogni classe esprimerà un singolo voto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore lascia un tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome